Camminare nella patria di Tonino Guerra

Tra i lupi selvatici nel Parco del Sasso Simone Simoncello

La montagna è considerata una palestra all'aria aperta dove poter praticare numerosi sport a qualsiasi livello di preparazione e soprattutto dove ciascuno può cimentarsi in una qualsiasi attività fisica.
Il Nordic walking è una tra queste e, per chi vive nel caos cittadino, poter evadere qualche giorno e fare una gradevole passeggiata all'interno del Parco del Sasso Simone e Simoncello è sicuramente più stimolante rispetto all'allenamento giornaliero in palestra.

Il percorso dura 5 ore e si estende per 9,5 km con partenza e arrivo a Pennabilli, una località a circa 40 km da Rimini, nel cuore della Valmarecchia, e che ha ospitato per molti anni il famoso poeta Tonino Guerra. Ed è proprio con la visita al museo "I luoghi dell'anima" a lui dedicato che termina l'escursione di nordic walking tra le più difficili, ma suggestiva e poco conosciuta nel regno del gatto selvatico e del lupo.  

Il regno del lupo selvatico nel Parco del Sasso Simone Simoncello

Il percorso, che presenta un dislivello di 150 metri, è immerso nella natura del Parco del Sasso Simone e Simoncello e propone panorami mozzafiato tra boschi, cascate e canyon. La parte più emozionante dell'escursione sarà quella che prevede il guado del fiume Messa, corso d'acqua che nasce dall'unione del fosso Canaiolo e del Paolaccio.
Impervi e poco conosciuti sono luoghi di una bellezza selvaggia, con una flora e una fauna fuori dall'ordinario. Nel punto di incontro tra i due fossi il terreno assume una conformazione a Y, dove un gruppo di Buddisti tibetani ha gettato le polveri del Mandala creato a Pennabilli per la visita del Dalai Lama.